Archivio

Slot Machine: il Tar dà ragione ad Appendino

| commenti

Slot.jpg


"Apprendiamo con grande soddisfazione che il Tar del Piemonte ha dichiarato legittimo il regolamento del Comune di Torino emanato a ottobre 2016 che limitava l'orario di funzionamento delle slot machine a otto ore al giorno, respingendo così i ricorsi presentati delle società Allstar, Hbg, Casinò delle Alpi, Euroslot e altri.
Aspettiamo di leggere le motivazioni, ma possiamo già affermare che il diritto alla salute e il ruolo della Città nel tutelarla resta per noi una priorità. Ribadisco la volontà di questa amministrazione di contrastare quella che a tutti gli effetti è una piaga sociale"

Chiara Appendino

CONCORSO FOTOGRAFICO

| commenti

Il MoVimento 5 Stelle di Torino indice un concorso fotografico dal titolo :

"CALENDARIO 2018 - Sana e robusta "Costituzione" (fotografiamola)

Il concorso è volto a favorire la realizzazione e la raccolta di foto che illustrino uno o più articoli della Costituzione della Repubblica Italiana nei suoi molteplici aspetti (storico, artistico, naturalistico, culturale, sociale ecc) raccontando con le immagini momenti di applicazione reale o auspicata della legge che occupa il vertice nella gerarchia delle fonti nell'ordinamento giuridico Repubblicano.

Una giuria qualificata selezionerà n°12 immagini che saranno pubblicate all'interno del calendario 2018

Tutte le foto partecipanti al concorso potranno essere successivamente riprodotte e utilizzate dal MoVimento 5 Stelle di Torino per realizzare mostre, raccolte fotografiche, pubblicazioni, così come per ogni tipo di uso a carattere promozionale e culturale.

La partecipazione al concorso è disciplinata dal regolamento, che costituisce parte integrante del presente bando.


REGOLAMENTO

Art. 1 Bando
Promotore del concorso è il MoVimento 5 Stelle di Torino.

Art. 2 - Tema
L'obiettivo del concorso è dare visibilità a tutti coloro che si esprimono con mezzo fotografico tradizionale o digitale, valorizzando tutti gli aspetti riguardanti la carta Costituzionale.

I luoghi, le persone, attimi di vita devono comunque essere sempre ispirati ad articoli precisi della stessa.
.
Art. 3 - Modalità di iscrizione
La partecipazione è gratuita ed aperta a tutti gli amanti della fotografia senza limiti d'età
.
Per la partecipazione è necessario compilare in ogni sua parte la scheda di iscrizione allegata al presente regolamento (Allegato A) ed inviarla entro il 05/08/2017 previa scansione fotografica
all'indirizzo:
m5sconcorsofotografico@googlegroups.com
Tutti gli iscritti riceveranno costanti aggiornamenti via email sull'andamento del concorso a partire dal giorno successivo all'iscrizione. La mailing list sarà oscurata al fine di tutelare la privacy degli stessi partecipanti. La scheda d'iscrizione funge da liberatoria a norma di legge e concede l'utilizzo per esposizioni fotografiche a scopo promozionale al MoVimento 5 Stelle di Torino del materiale pervenuto.

Art. 4 - Modalità di partecipazione
Ogni autore potrà inviare un massimo di n° 3 fotografie assegnando liberamente un titolo.

Le fotografie devono essere inviate con e-mail all'indirizzo:

m5sconcorsofotografico@googlegroups.com

entro il 05/08/2017

2. riportare nel campo oggetto: CONCORSO FOTOGRAFICO M5S TORINO seguito dalla
denominazione (INVIO 1 , INVIO 2 o INVIO 3). E' preferibile effettuare invii singoli per ogni
foto.


3. riportare sempre nel campo testo nome e cognome del partecipante che dovrà
corrispondere a quello riportato nel modulo di iscrizione (ALLEGATO A)
Il partecipante riceverà a sua volta una mail di conferma avvenuta ricezione del materiale.
Essa conterrà inoltre un codice numerico che sarà utilizzato dalla giuria per identificare il
concorrente durante la fase di valutazione.
Le fotografie, devono rispondere ai seguenti requisiti di base:
dimensione massima: 3 Mb

formato: jpeg

risoluzione minima: 300 dpi

è ammessa la sola regolazione di luminosità e contrasto, rotazione e ritaglio (CROP)

non ammessa post produzione (esempio instagram...)

avere titolo, nome del fotografo e numero dell'articolo al quale la foto è ispirata

essere inedite, e non aver partecipato ad altri concorsi fotografici.

Art. 5 - Scadenza
Il materiale dovrà pervenire entro le ore 24 del 05/08/2017 e non saranno accettati e presi in considerazione ulteriori invii successivi a tale data.

Dopo questa fase, una giuria qualificata composta da fotografi professionisti inizierà la valutazione delle opere pervenute che terminerà il 15/08/2017

Art. 6 - Giuria
Ad ulteriore garanzia dell'imparzialità del concorso la giuria non conoscerà il nominativo dell'autore associato all'immagine da valutare.

Il giudizio della giuria sarà insindacabile ed inappellabile.

Le fotografie selezionate per la pubblicazione sul calendario 2018 saranno ufficializzate entro il 04/09/2017 ed esposte al pubblico in uno spazio dedicato durante il MoVifest cittadino che si terrà a Settembre 2017.

Seguiranno comunicazioni dettagliate circa località ed orari dello stesso.

Art.- 7 Condizioni di partecipazione, e Responsabilità dell'autore
Ogni partecipante conserva la proprietà intellettuale delle fotografie trasmesse, ma ne concede l'utilizzo al MoVimento 5 Stelle di Torino.

Il materiale inviato per la partecipazione al concorso non sarà restituito e resta di proprietà del MoVimento 5 Stelle di Torino.

Ogni partecipante è unico responsabile di quanto forma oggetto della sua immagine, pertanto s'impegna ad escludere ogni responsabilità del MoVimento 5 Stelle di Torino nei confronti di terzi.

In particolare dichiara di essere unico autore delle immagini inviate e che esse sono originali, inediti e non in corso di pubblicazione, che non ledono diritti di terzi e che qualora ritraggano soggetti per i quali è necessario il consenso o l'autorizzazione egli l'abbia ottenuto.

L'adesione a partecipare al concorso fotografico implica piena accettazione del seguente
regolamento.

Il presente documento è composto da 3 pagine.


ALLEGATO A
SCHEDA DI PARTECIPAZIONE
CONCORSO FOTOGRAFICO "IMMAGINI DELLA NOSTRA COSTITUZIONE 2017"

Nome e Cognome:*

Data e Luogo di nascita:

Codice Fiscale:

Indirizzo :

Recapito telefonico:

Indirizzo e-mail:

*se in gruppo, di tutti i componenti

Il/la sottoscritto/a:

1. Dichiara di conoscere e di accettare il regolamento di partecipazione

2. Dichiaro di essere responsabile di quanto costituisce oggetto delle opere da me
Consegnate

3. Dichiaro di essere autore di tutte le opere presentate e di detenerne tutti i diritti

4. Autorizza il trattamento dei dati sensibili ai sensi della normativa vigente in materia di
privacy per l'espletamento delle diverse fasi del concorso.

5. Autorizzo l'organizzatore del concorso ad utilizzare e foto da me inviate per scopi culturali,
allestimento di mostre, oppure su Internet, indicando sempre il nome dell'autore;

6. Autorizzo l'organizzatore a trattenere presso il proprio archivio i miei dati personali, per le successive edizioni e/o altre comunicazioni extra concorso.

Data: .....................................................................................

Firma: (del solo capogruppo, se si partecipa in gruppo)

.......................................................................................
☐Non desidero che i miei dati identificativi siano resi pubblici in alcuna forma

Data: .....................................................................................

Firma: (del solo capogruppo, se si partecipa in gruppo)

.......................................................................................

Difficile interpretare il cambio di passo dichiarato oggi dal Pd.
Non sono mai stati propositivi in aula, attaccando e strumentalizzando qualsiasi atto della nuova Amministrazione.
Se volessero realmente aiutare potrebbero cominciare smettendo, una volta per tutte, di accusare noi per il "disastro strutturale" del bilancio della Città. Non è colpa loro? Bene, ma sono passati più di 20 anni di amministrazione torinese a senso unico; vogliamo trovare i responsabili di questo disastro? Che dicano, una volta per tutte, chi ha creato un "disastro strutturale" per plurime annualità.
Se il PD torinese volesse veramente aiutare questa amministrazione, e la Città, sarebbe realmente propositivo e non strumentale all'ennesima potenza, farebbe di tutto per far arrivare i soldi che il governo deve a Torino.
A Settembre ci sarà la discussione in aula sul piano di risanamento, vediamo se dimostreranno senso di responsabilità....visto che il piano di risanamento è dovuto ai famigerati conti che, secondo loro, erano a posto..."

La competizione tra aziende per i nuovi appalti sul servizio ferroviario piemontese non può scaricare i costi sui lavoratori. Per questo vigileremo sui contratti di affidamento affinché siano previste tutele per chi lavora. E' quanto abbiamo affermato oggi al convegno promosso dall'organizzazione sindacale ORSA in via Sacchi a Torino.

Assenza importante quella dell'assessore regionale ai Trasporti Balocco, artefice della procedura di "gara" mediante il dialogo competitivo. Presente invece il capogruppo regionale PD Gariglio, che non ha minimamente chiarito le intenzioni del PD sulla questione delle tutele per i lavoratori né per le nuove gare regionali e nemmeno per il contratto del lavoro nazionale nel settore trasporti, usando parte del suo intervento invece più per attacchi politici all'amministrazione della città di Torino che per spiegare la linea politica dell'amministrazione regionale.

Resta il fatto che per garantire l'occupazione è necessario incrementare i servizi ferroviari e riattivare le linee sospese da Cota e Chiamparino. Anche su questo argomento da Gariglio e dal Pd non è arrivata nemmeno una parola chiara. Occorre scrivere nero su bianco che alcune linee saranno riaperte senza delegare al "mercato" una responsabilità che invece è propria della politica regionale.

Per quanto riguarda il servizio SFM, abbiamo chiesto un maggior coraggio da parte delle amministrazioni regionale e nazionale negli investimenti sul trasporto pubblico, specialmente quello su ferro.
Non basta dire che verranno garantite le stesse risorse che negli anni passati, cosa peraltro falsa. Se si vuole aumentare l'uso del trasporto pubblico collettivo e ridurre l'uso dell'auto occorre offrire un servizio competitivo e frequente nelle aree inurbate.
Così facendo garantiremo un risparmio collettivo su spesa sanitaria, incidentalità, inquinamento, congestione.

Federico Valetti, Consigliere regionale M5S Piemonte
Vicepresidente Commissione regionale trasporti
Roberto Malanca, Consigliere comunale M5S Torino
Presidente Commissione Servizi Pubblici Locali


Fermiamo nocivita.jpg


Il 3 di Giugno, in occasione della settimana dedicata alla sostenibilità ambientale, il Centro Promozione Arte ed Arti di Bussoleno porterà questa grande opera a Torino esponendola nella cornice dei giardini di Porta Nuova per esaltarne, oltre che il messaggio ambientale, anche il valore artistico delle molte opere che la compongono.
A corredo dell'iniziativa nel 2006 fu redatto un catalogo le cui ultime copie sarà possibile acquistare sul banchetto informativo all'ingresso dell'esposizione.

SABATO 3 GIUGNO
dalle ore 9 alle 20
Piazza Carlo Felice
Giardini Sanbuy
(fronte Stazione Porta Nuova)


PROIEZIONE DEL FILM: TRASHED - VERSO I RIFIUTI ZERO

| commenti
VENERDI' 26 MAGGIO alle ore 21
in VIA ORMEA 119

PROIEZIONE DEL FILM

TRASHED
p= Trashed.jpg

Seguirà dibattito con:
Piercarlo Cavallari - Pro Natura Torino
Giuseppe Iasparra - Eco delle Città
Federico Mensio - Moderatore

Il circolo virtuoso dei rifiuti : Riduci, ripara, riusa, ricicla. Come un consumatore consapevole può rafforzare le azioni delle amministrazioni nel creare benefici per tutta la comunità.

PRIMI DATI DEL PROJECT MANAGER ANTONIO MASPOLI SU EX MOI

| commenti


Oggi in conferenza Capigruppo è stato audito il Project Manager Antonio Maspoli che si occupa da circa un mese e mezzo delle palazzine Ex-Moi

"La situazione, come previsto, è complessa- commenta Antonio Maspoli- soprattutto perché ci siamo trovati di fronte alla totale assenza di un censimento della popolazione che occupa i locali. Per questo è stato necessario iniziare con una mappatura volontaria degli occupanti, circa 120 per ora, che sarà approfondita da un censimento effettivo. La mappatura consente già di iniziare un percorso di formazione lavorativa e linguistica (la maggior parte degli occupanti non parla italiano), e sono stati individuati alcune linee di inserimento, grazie alla disponibilità e la collaborazione da parte di alcune aziende produttive di altre Regioni"

Le principali difficoltà incontrate dal dott. Maspoli riguardano l'individuazione degli interlocutori all'interno della struttura, per questo verranno creati piccoli gruppi di interesse in modo da agevolare la collocazione a seconda delle attitudini personali.

Nello spirito inclusivo e di partecipazione sono state avviate relazioni con le associazioni e con il comitato di solidarietà con cui sono stati effettuati quattro incontri preliminari.

"Stiamo lavorando sodo in concerto con Regione, Città Metropolitana, San Paolo e Diocesi per la risoluzione di un problema trascurato per troppo tempo dalle precedenti amministrazioni" commenta il Capogruppo Alberto Unia M5S.

APPROVATA LA DELIBERA SUL PIANO REGOLATORE

| commenti


Oggi in Consiglio Comunale è stata approvata la delibera di indirizzo riguardante le linee per la revisione del Piano Regolatore Generale.

Questo atto, in conformità con il programma elettorale, è l'inizio di un percorso atteso da troppi anni.

Il consigliere Damiano Catretto dichiara : " Come Gruppo Consiliare ci siamo impegnati a condividere con la cittadinanza e con tutti i soggetti interessati il processo di variante generale. Si tratta di definire il futuro di Torino in una nuova visione strategica che renda la città centrale e attrattiva nel panorama nazionale ed europeo".

Il Presidente di AMIAT il Dott. Bagnacani lascerà presto la presidenza per occupare quella di AMA a Roma.

"In questi mesi abbiamo potuto apprezzare la grande competenza e la seria professionalità del dott. Bagnacani, riconoscendo una sincera passione nel lavoro svolto a Torino. In tal senso non possiamo che essere dispiaciuti di perdere una persona di così grande esperienza e valore, da un lato, dall'altro ci congratuliamo con lui e con l'amministrazione della capitale per la scelta che, ne siamo sicuri, potrà sicuramente fare bene nella partecipata capitolina " commenta Alberto Unia capogruppo M5S Torino.

Il Gruppo Consigliare ha poi ringraziato il Dott Lorenzo Bagnacani per quanto da lui iniziato in AMIAT, sicuri del fatto che tale lavoro sarà portato avanti dal suo successore.

IL CSI NON SARÀ PRIVATIZZATO.

| commenti


ll secondo parere dell'Anac ha definitivamente bloccato la privatizzazione del Csi Piemonte.

L' Assessora Pisano e il gruppo consigliare M5S Torino ritengono strumentali le continue critiche verso questa scelta.
"In questi anni si è solo perso tempo, impoverendo le competenze del CSI, creando preoccupazione tra i dipendenti e soci, ma quel che è peggio depauperando il settore dell'ICT piemontese. Si è spinto il consorzio sull'orlo di una profonda crisi, con una strategia suicida basata esclusivamente su una lenta privatizzazione camuffata da piano industriale, senza vere prospettive e idee innovative.
Chi si è reso responsabile di tutto ciò dovrebbe avere la capacità di riconoscere i propri errori e fare un passo indietro, dimettendosi senza indugio" commenta l' Assessora Pisano.

"La nuova Amministrazione ribadisce come il Csi ha sviluppato una competenza unica nella digitalizzazione delle P.A. che non deve essere svenduta, ma deve essere valorizzata attraverso una riorganizzazione, secondo un piano industriale che punti all'efficentamento e al rilancio della struttura, ma sopratutto ad un'attenta e continua valorizzazione dei dipendenti del consorzio anche attraverso la formazione" commenta il Capogruppo M5S Alberto Unia
"La nostra idea in merito alla funzione del consorzio prevede un'attenta analisi dei punti di forza dell'ente e delle opportunità del mercato ad oggi definite dai servizi in cloud, dalla piattaforme dati e dalla creazione di infrastrutture tecnologiche sostenibili.
Il CSI, per noi, deve avere una visione strategica ambiziosa ma di ampio respiro, diventando il motore dell'innovazione digitale, non solo per Torino e il Piemonte, sopratutto nell'ambito dell'agenda digitale, con un occhio di riguardo ai sistemi aperti" aggiunge il consigliere M5S Federico Mensio.

Categorie

Acqua (9)
Ambiente (81)
comunicatistampa (46)
Connettività (5)
Energia (16)
Programma (4)
Servizi ai cittadini (142)
Sviluppo (61)
Trasporti (64)

Per mese

Luglio 2017 (3)
Giugno 2017 (1)
Maggio 2017 (11)
Aprile 2017 (8)
Marzo 2017 (25)
Febbraio 2017 (12)
Gennaio 2017 (1)
Dicembre 2016 (8)
Novembre 2016 (9)
Ottobre 2016 (1)
Giugno 2016 (2)
Maggio 2016 (4)
Aprile 2016 (4)
Marzo 2016 (6)
Febbraio 2016 (3)
Gennaio 2016 (2)
Dicembre 2015 (5)
Novembre 2015 (2)
Ottobre 2015 (4)
Settembre 2015 (10)
Agosto 2015 (1)
Luglio 2015 (10)
Giugno 2015 (11)
Maggio 2015 (7)
Aprile 2015 (4)
Marzo 2015 (4)
Febbraio 2015 (4)
Gennaio 2015 (5)
Dicembre 2014 (4)
Novembre 2014 (3)
Ottobre 2014 (11)
Settembre 2014 (4)
Luglio 2014 (1)
Giugno 2014 (3)
Maggio 2014 (4)
Aprile 2014 (5)
Marzo 2014 (5)
Febbraio 2014 (14)
Gennaio 2014 (11)
Dicembre 2013 (10)
Novembre 2013 (7)
Ottobre 2013 (15)
Settembre 2013 (12)
Agosto 2013 (5)
Luglio 2013 (6)
Giugno 2013 (10)
Maggio 2013 (12)
Aprile 2013 (11)
Marzo 2013 (12)
Febbraio 2013 (11)
Gennaio 2013 (10)
Dicembre 2012 (11)
Novembre 2012 (15)
Ottobre 2012 (12)
Settembre 2012 (11)
Agosto 2012 (5)
Luglio 2012 (11)
Giugno 2012 (14)
Maggio 2012 (11)
Aprile 2012 (9)
Marzo 2012 (24)
Febbraio 2012 (28)
Gennaio 2012 (10)
Dicembre 2011 (16)
Novembre 2011 (22)
Ottobre 2011 (18)
Settembre 2011 (27)
Agosto 2011 (8)
Luglio 2011 (24)
Giugno 2011 (24)
Maggio 2011 (24)
Aprile 2011 (18)
Marzo 2011 (21)
Febbraio 2011 (13)
Gennaio 2011 (12)
Dicembre 2010 (6)
Novembre 2010 (2)
Ottobre 2010 (2)
Settembre 2010 (10)
Agosto 2010 (2)
Luglio 2010 (3)
Giugno 2010 (5)
Aprile 2010 (1)
Marzo 2010 (3)
Febbraio 2010 (2)
Gennaio 2010 (1)
Settembre 2009 (1)
Giugno 2009 (3)
Maggio 2009 (10)
Aprile 2009 (3)
Marzo 2009 (2)
Febbraio 2009 (1)